Premessa

I primi manuali che ho comprato relativi ai siti internet erano molto tecnici e nessuno riguardava la grafica.

Inizio

Ho iniziato a vedere i primi risultati quando mi è stato consigliato di utilizzare Bootstrap per le mie pagine web. Avrei voluto sviluppare un sistema tutto mio, ma effettivamente era tutto troppo complicato e sarebbe servito troppo tempo per ottenere risultati apprezzabili. Così ho installato la versione 3 di Bootstrap e ho subito ottenuto un bel risultato. Niente di professionale ma era tutto molto più gradevole da vedere.

Nuovo stile

Ho subito rifatto il mio sito ed ho sviluppato qualche modello da presentare ai pochi clienti con cui ero in contatto. Le risposte erano state positive in termini di apprezzamento ma nessuno ha chiesto l'aggiornamento del proprio sito internet. In quel periodo si stava facendo sentire un altro problema, molto più complesso da gestire: la visibilità sui motori di ricerca.

Conclusione

Il problema della grafica è stato risolto abbastanza semplicemente con l'utilizzo di Bootstrap ed era arrivato il momento di dedicarsi alla visibilità su internet. Dalle prime ricerche che avevo fatto, il problema principale che dovevo affrontare era quello della pesantezza: il motore di ricerca deve esaminare un sito per poter avere le informazioni che gli servono e questa operazione è condizionata dalla facilità di lettura delle informazioni principali. In parole povere, più un sito è semplice da leggere, più sarà facile da analizzare e quindi ha più probabilità di essere tra i primi risultati durante le ricerche. Da questo punto di vista, Bootstrap non è un buono strumento di lavoro in quanto è molto complesso e quindi non favorisce questo tipo di operazioni.


Lorenzo Conconi

Lorenzo Conconi

Diplomato in informatica nel 1989, ho sempre lavorato come analista programmatore in diversi campi. Libero professionista dal 2002, sogno di aprire la mia società personale per vendere i miei programmi su internet.


Commenti


Registrati per commentare